Olive verdi in salamoia

Settembre è il periodo giusto per preparare le olive da conservare in barattolo.

Olive verdi in salamoia perfette, che durano da un anno all’altro.

Le olive in salamoia  le preparo da tanti anni però dopo un po’ la salamoia in cui erano immerse diventava torbida e si creava sopra un velo non molto bello da vedere.

Preparate in questo modo invece restano perfette fino all’ultima.

Questa ricetta l’ho presa da un blog qualche anno fa, mi dispiace non citarne il nome, ma non me lo ricordo proprio, so che mi hanno convinto le motivazioni, per cui vengono usati olio e aceto, che di solito non mettevo, per cui l’ho provata subito e da allora non l’ho più abbandonata.

Ecco gli ingredienti che vengono usati:

– Il sale che  come tutti sappiamo serve per conservarle

– L‘aceto  che agisce come un leggero disinfettante, evitando la formazione delle muffe

– L’olio che  venendo a galla protegge le olive dal contatto diretto con l’aria.

Olive verdi in salamoia

Ingredienti:

olive verdi

acqua

sale

olio di semi o d’oliva a piacere

aceto di vino bianco

Aromi vari: peperoncini interi, foglie d’alloro, pepe nero, coriandolo in grani, rametti di finocchietto tagliuzzati, si potranno mettere pure dei gambi di sedano a pezzettini.

Per ogni kg di olive occorreranno:

mezzo litro acqua

100 gr sale

100 gr aceto

100 gr olio

Procedimento:

Dopo aver raccolto le olive, lavarle e praticare su ogni oliva un’incisione con un coltellino, quindi metterle in un contenitore e ricoprirle d’acqua che andrà cambiata ogni giorno per tre giorni di seguito.

L’ultimo giorno preparare una salamoia, mescolarla bene per far sciogliere il sale.

Gocciolare bene le olive sistemarle nei barattoli sterilizzati, inserendo gli aromi scelti e poi coprire con la salamoia preparata.

Conservare i barattoli al buio e assaggiare le olive dopo un paio di mesi.

IMG_3676

IMG_3637

IMG_3656

 

 

Annunci

19 pensieri su “Olive verdi in salamoia

    • ciao, dopo i tre giorni di ammollo, prepari la salamoia con l’acqua della dose, il sale, l’aceto e l’olio, aspetti che il sale si sia sciolto e la versi sulle olive sistemate già nei barattoli. Una buona serata!

  1. Da noi le olive sono proprio delle sconosciute (fresche intendo). Queste sembrano straordinarie, hanno un aspetto stupendo! Ho un carissimo che prepara una prelibatezza con le olive del lago di Garda, però quelle mature. Ci impiega tanto più tempo, ma ne vale la pena!

  2. Pingback: Pensando al Natale – Le Cipolline Sott’Olio: facili, buone ed economiche da regalare e da portare a tavola! | Il Salvadanaio di Super Mamma

  3. Grazie per questa ricetta! Mi sono sempre chiesto se quell’intorbidimento con la pellicina in superficie fosse dovuto a un fungo e se fosse innocuo o no. Mangiavo le olive di mia suocera sempre con un po’ di apprensione.

    • Grazie a te, per essere passato, quella pellicola è davvero antipatica, non so se faccia male o no però non mi è mai piaciuta. Se li proverai sentirai che bontà, oltre al buon aspetto.

  4. Pingback: Cipolline Sottolio – Il Salvadanaio di Super Mamma

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...