Guancia di vitellone stufata

Non pubblico spesso  ricette di carne, però la cucino pure io, non spessissimo e quasi sempre trattata in modo molto semplice, soprattutto in estate prepariamo della carne grigliata, io in verità mi limito solo a portarla a tavola e a mangiarla.

Oggi voglio postare questa preparazione, con un taglio di carne cosiddetto povero ma che a noi piace tantissimo,  richiede una lunga cottura ma  ci regala tanto sapore.

Guancia di vitellone stufata

Ingredienti:

Una guancia di vitellone

2 costole di sedano

1 o 2  carote

1 cipolla media

1-2 spicchi d’aglio

Foglioline di salva

2 rametti di rosmarino

Vino bianco

Brodo vegetale, olio evo, sale, pepe, buccia di limone.


Preparazione:

Tagliare a pezzetti le verdure.

Far rosolare molto bene, da tutti i lati il pezzo di carne con lo spicchio d’aglio intero, qualche foglia di salvia e un rametto di rosmarino, quando sarà ben dorato, toglierlo dal tegame.

Buttare l’aglio e le erbe aromatiche, io butto tutto il grasso che ha rilasciato, mettere un po’ d’olio fresco e farvi rosolare leggermente le verdure, quando saranno ben insaporite rimettere la carne, versare il vino quasi a coprire il tutto.

Appena il liquido  comincia a bollire coprite il tegame, abbassate la fiamma e portare a cottura, unendo se necessario del brodo vegetale.

Ci vorranno circa due ore oppure mezz’ora nella pentola a pressione.

Quando la carne sarà cotta, tiratela fuori per farla intiepidire e tagliatela  a fette, rimettetela in tegame con il suo sughetto e unite un trito, preparato con foglioline di rosmarino,  uno spicchio d’aglio se vi piace e della buccia di limone grattugiata o ricavata con il riga-limoni.

Far scaldare e servire.

IMG_guancia di bue brasata (9)

senza erbe aromatiche per chi non le gradisce

IMG_guancia di bue brasata (11)IMG_guancia di bue brasata (2)IMG_guancia di bue brasata (4)IMG_guancia di bue brasata (6)

 

 

 

Annunci

27 pensieri su “Guancia di vitellone stufata

    • Allora devi provarla, a casa mio padre la comprava sempre, forse allora per motivi economici, ma è tanto buona, l’unico neo la lunga cottura ma si può rimediare con la pentola a pressione.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...