Patè con olive verdi(Patè de aceitunas)

Ho un debole per i libri di cucina,  anche se ogni volta che ne porto a casa uno nuovo, dico a me stessa  che è l’ultimo, ma ci  ricasco sempre, quindi  trovandomi  in Spagna  non potevo non comprarne uno di tapas che mi faceva l’occhiolino dallo scaffale della libreria.

Questa ricetta viene da quest’ultimo acquisto.

Un pesto  ottimo presentato su fettine di pane tostato ma non solo, ho fatto pure delle quenelle per accompagnare della carne grigliata e visto che ne avevo preparato un bel pò, l’ho utilizzato per condirci le linguine.

Rispetto alla ricetta originale ho sostituito i pinoli con le mandorle ed il machengo con parmigiano, avrei dovuto usare un pecorino però avevo paura che riuscisse troppo salato, cosi è stato perfetto per i nostri gusti.

Patè con olive verdi(Patè de aceitunas)

Ingredienti:

Una bella manciata di foglie di basilico

1 spicchio d’aglio

2 cucchiaiate di olive verdi da snocciolare

2 cucchiaiate di pinoli tostati (io mandorle)

2 cucchiaiate circa d’olio evo.

2 cucchiaiate di formaggio (ho unito parmigiano) doveva essere manchego.

1 o due cucchiaiate di acqua molto fredda.


Preparazione:

Tostare le mandorle o i pinoli e tritarli finemente, lavare e far gocciolare bene le foglie di basilico, snocciolare le olive.

Mettere tutti gli ingredienti nel mixer e frullare, non ho messo sale perché ci sono le olive e il formaggio per dare la giusta sapidità, si dovrà ottenere un composto non troppo cremoso.

 

Annunci

28 pensieri su “Patè con olive verdi(Patè de aceitunas)

  1. mamma….io vivrei di olive, ne ho un vasetto di quelli miei personali col nome che chi lo tocca muore, potrei provare, ho anche del pane a fette che reclama un pò di notorietà!

  2. Giovanna cara pensando alla spagna e a questo tuo meraviglioso pesto di olive mi sono commossa xché quelle terre e le loro tradizioni le amo da impazzire! Il pesto é uno spettacolo e non oso immaginare la bontà!!! Che ne dici mettiamo insieme le nostre bruschette x un bell’aperitivo?!!! Sai che anche io sono come te con i libri! Ormai rinuncio a vestiti e scarpe x comprarli. In casa sono sommersa ma mi piacciono troppo!!!!

    • Abbiamo sistemato da poco il gazebo in giardino, ti aspetto, sai come sarebbe bello!!
      Si sono l’unica mia mania, ma non posso farci nulla, mi danno emozioni, come tutti i libri, e se non li compro io ci pensano i miei figli a regalarmeli,mi ci vorrebbero dieci vite per provare tutte le ricette che mi incuriosiscono.
      Un abbraccio grande carissima, chissà se un giorno capiterà d’incontrarci, la vita è imprevedibile.

      • i libri sono preziosi condivido con te! Sarebbe davvero bello potersi incontrare, chissà, magari avremo l’occasione giusta per farlo! Sai Giovanna sto preparando il tuo pollo con le verdure, ha un profumo delizioso peccato che il sole sia ormai andato volevo fotografarlo ma non so se ce la farò sono indietro sulla tabella di marcia e nel frattempo ho sul fuoco una confettura di rusticani fatta sotto suggerimenti telefonici della mia nonnina… spero si addensi! un bacio grande e buon appetito!

      • Come sono contenta per a fiducia, spero vi sia piaciuto, a quest’ora sicuramente avrete già cenato, penso avrai fatto qualche bella foto, ho notato che ultimamente ne hai fatto di bellissime . sei diventata molto brava.
        Che bello cucinare seguendo le indicazioni della nonna,cosa sono i rusticani? Un bacio a te e buona notte.

      • Giovanna il pollo anche se ho usato i petti era davvero buonissimo! Le foto non sono proprio come le volevo ma sono venute benino. La marinatura è ottima! ho usato un po’ degli spicchi di aglio che avevo fatto ieri. Grazie davvero mi piacciono sempre tantissimo i piatti che cucini! Mi fanno sentire a casa! Per le foto grazie! sto provando a migliorarmi cercando un mio stile e sono felice che si notino i progressi! Però anche le tue sono migliorate, quelle del patè alle olive erano molto luminose e colorate. Ma è sempre un prenderci tra sole, tempo e altre mille variabili! I rusticani sono delle piccolissime prugnine leggermente asprigne di forma tonda della grandezza di una biglia. A bologna anticamente il comune aveva piantato molte piante e alcune di queste ci sono ancora sopratutto in periferia. Domenica sono andata a raccoglierli con mi nonna che in materia ne sa una più del diavolo! Ormai si arrampicava sull’albero per prenderli! Che ridere. guarda qui trovi una foto dei rusticani in pentola: https://flic.kr/p/VBM6ku
        bacini e buona nanna anche a te! La prossima volta devo provare una delle tue ricette di pesce!

      • Sono contentissima che vi siano piaciuti, sono andata a vedere i rusticani in pentola, mettono allegria con i loro bei colori, e poi che piacere andarli a raccogliere con la tua nonnina, immagino la gioia reciproca nel fare qualcosa assieme.
        Un bacione e un abbraccio, sei davvero cara.

  3. Anche io torno sempre con un libro di cucina! Hai fatto benissimo, questa ricetta è interessante e non somiglia per nulla al “nostro” paté di olive

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...