Riso nero o arroz negro

Per questa ricetta sono andata a guardarmi diversi video in spagnolo confrontandoli tutti e prendendo da ognuno ciò che mi piaceva di più.

Il risultato è stato molto  apprezzato dai miei commensali.

Riso nero o arroz negro

Per  cinque  persone

Ingredienti:

350 gr di riso, ho usato il carnaroli

400 gr seppie già pulita e il loro nero oppure seppie e calamari

1 peperone dolce secco

Brodo di pesce, più del doppio del volume del riso (la ricetta la trovate qui)

1 spicchio d’aglio

Un po’ di cipolla media

2 cucchiaini di spezie per paella oppure un po’ di paprika dolce e un po’ di zafferano

Gamberi per guarnizione (facoltativi, calcolarne minimo due a persona)


Preparazione:

Rosolare per prima cosa i gamberi con un filo d’olio e tenerli da parte possibilmente coperti.

Nella stessa padella, mettere aglio e cipolla tritati  e farli insaporire un po’ senza farli dorare, poi aggiungere  il peperone secco ammollato e tritato, infine i calamari o seppie tagliati a pezzetti, far rosolare bene e unire il nero le spezie, dare una mescolata e  unire un po’ di brodo circa un piccolo mestolo e far cuocere 10 minuti, dopo i dieci minuti unire il riso, mescolarlo un po’ e unire il brodo occorrente, mescolare il tutto per l’ultima volta.

Cuocere a fiamma forte fin quando non bolle, poi abbassare la fiamma e far cuocere per circa 15 minuti, dipende naturalmente dal tipo do riso, se si asciuga unire altro brodo sempre caldo,cinque minuti prima della fine della cottura, sistemare sopra i gamberi a proprio gusto.

I tempi di cottura possono variare, quindi assaggiare sempre.

Una volta cotta, spegnere il fuoco, coprire con uno strofinaccio da cucina e far riposare per cinque minuti.

Portare in tavola e gustarsela.

 

 

 

Annunci

23 pensieri su “Riso nero o arroz negro

  1. Mi piace molto vedere le sperimentazioni culinarie prese “dal mondo”!
    A casa il pesce piace abbastanza, ma il nero di seppia sembra poco gradito quasi a tutti, quasi quasi per mantenere questo bel contrasto di colore sarebbe bello provare il riso venere come suggerisce anche Grembiule da cucina 🙂

    • Dopo essere stata in giro mi piace provare fare a casa i piatti che mi sono piaciuti e mi documneto.Simona gradisce questo il venere a quanto ho capito non lo ama tanto.
      Se ti va puoi solo mettere le spezie senza il nero, sarà ugualmente buono o provare l’altra paella che ho postato tempo fa, il venere anche se a me piace molto qui non lo vedo bene.

  2. Giovanna mentre commentavo sul mio blog stavo leggendo questa tua delizia. Intanto foto bellissime del dettaglio del piatto! Quei crostacei colorati in contrasto con il riso sono perfetti! CI credo che i tuoi commensali hanno gradito! Questo riso è stupendo e profumato. Quando si vuole fare qualcosa di nuovo anche io faccio come te, spulcio qua e la e poi metto insieme le cose che mi sono sembrate più valide e vicine ai miei gusti. Il nero di seppia non l’ho mai usato in cucina e prima o poi ci proverò. Anche questo piatto è stato ispirato dalle tue vacanze immagino!? appena l’ho visto ho pensato alla spagna, con i suoi profumi, il riso il pesce, coste, isole, mare e colori!!! Magnifico

    • Grazie, sei troppo gentile e carina, si è un piatto di quelli gustati in Spagna, cìè ne saranno altri ma con i miei tempi, il caldo non permette di stare ai fornelli, se ami il pesce prima o poi la devi provare, oppure l’altra, che ho postato tempo fa, sono entrambe eccezionali, se la preparerai, prendi il nero direttamente dalle seppie non le bustine che vendono.
      Ciao ancora un abbraccio

      • Grazie Giovanna ad agosto avrò modo di sperimentare un po’. Hai fatto bene a ricordarmi di usare il nero della seppia mi stavo già chiedendo come fare!!! Che stupida! Le tue ricette estive ispirate alle vacanze spagnole mi piacciono tantissimo sono proprio ricche di sapori mediterranei!

      • Figurati, a casa mia il pesce è di casa, la pasta al nero di seppia era un classico a casa dei miei genitori, tu sei molto più esperta in altre preparazioni.Adoro la Spagna e la sua cucina cerco tornata dalle vacanzedi riprovare a fare qualche piatto che mi è piaciuto in modo particolare, e a volte a fare un intero menù a tema.

    • Vedi che è bianco nero diventa dopo, concordo con te il nero buonissimo, però se non ti sembrano tanti 20 minuti, che poi in genere servono per quasi tutte le tipologie di riso,di prova il metodo di marco bianchi, io adotto quello quando lo preparo.Ciao carissima buon inizio settimana.

      • Il caldo Giovanna. Leggere di fretta con un occhio a Mattia sui giochi al parco. Qualche volta cercare di ottimizzare i tempi è cattivo consigliere.
        Comunque, sai che io nero di seppia non lo uso mai? Devo comprarlo prima o poi.

      • Non devi assolutaente giustificarti, capisco perfettamente, già in questo periodo estivo è tanto che riesci a leggere e commentare.
        Solo un consiglio per il nero, non comprare le bustine, compra una seppia fresca, te la fai pulire dal pescivendolo, se non ti va di farlo tu, e ti fai dare il nero messo dentro un bicchierino.

      • Lo dicevo, nel caso non ti andasse di pulirle, basta staccarla delicatamente senza farla rompere,sai a tanti non va pulire il pesce, a me non va farmelo pulire.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...