Spaghetti con colatura di alici di Cetara

La colatura di alici è un prodotto tipico campano e precisamente della cittadina di Cetara, io trovandomi li non potevo fare a meno di andarmi a gustare un piatto di spaghetti conditi con questo condimento  anche per vedere come era preparato, conoscevo già questo prodotto però non lo avevo mai gustato sul posto e poi non potevo non comprare questo prezioso liquido in uno dei posti in cui viene prodotto.

Non abbiamo potuto visitare il laboratorio perché ci è stato detto che in quel momento non stavano lavorando, la signora ci ha spiegato come usarla, in che quantità, cosi con la dose giusta è stato semplice rifare il piatto semplicissimo ma molto saporito, lo posto adesso perché lo trovo perfetto per questa stagione visto che basta cuocere solo la pasta e tostare una manciata di pinoli in un pentolino, in verità al ristorante non erano tostate ma io preferisco farlo.

La pasta va cucinata senza sale, una volta questa cosa non mi convinceva ma perché non sapevo la dose esatta di colatura da mettere adesso la preparo cosi ed è perfetta altrimenti verrebbe salata.

Allora eccovi la ricetta

Spaghetti con colatura di alici

Ingredienti:

50 g pomodorini a persona

2 cucchiaiate di olio evo a persona

1 cucchiaiata di colatura a persona, va bene se si calano circa 80 g di pasta altrimenti metterne un po’ di meno

Un pezzetto di peperoncino

1 spicchio d’aglio intero (da togliere prima di condire la pasta)

Un po’ di prezzemolo tritato

Una manciata di pinoli


Procedimento:

Tagliare a spicchietti i pomodorini togliendo i semini altrimenti rilasciano liquido nella pasta metterli dentro un colino per farli gocciolare bene, se non farete questa operazione verrà un sugo acquoso e somiglierà a quello che ho mangiato sul posto, lo so perché la prima volta non ho fatto questa operazione e non sono rimasta soddisfatta del risultato.

Mettere i pinoli dentro un padellino e fateli tostare leggermente, attenzione che bruciano in un attimo, appena pronti toglierli dalla padella altrimenti continuano a cuocere.

Quando i pomodori  avranno  gocciolato bene metteteli dentro la ciotola in cui verserete la pasta e aggiungete lo spicchio d’aglio, la colatura e l’olio evo e qualche pezzettino di peperoncino e far insaporire almeno una diecina di minuti.

Lessare la pasta senza mettere sale, scolarla al dente girarla molto bene nel condimento per farla insaporire, mettere una spolverata di prezzemolo e una piccola parte di pinoli, il resto mettetelo nei singoli piatti e servite.

Un sugo molto semplice e gustoso, mi raccomando usate un ottimo olio extra vergine d’oliva.

 

 

27 pensieri su “Spaghetti con colatura di alici di Cetara

  1. Adoro la colatura di Cetara, ne ho sempre un boccettino in casa 🙂 e l’olio per questa pasta sempre buono: quello di mio padre 🙂 una ricetta che rappresenta la filosofia della cucina italiana: pochi ingredienti, ma di qualità 🙂

      • Io la faccio ancora più semplice, senza pomodori e pinoli: in una bastardella metto a freddo olio, colatura, aglio e peperoncino, lascio che prendano sapore un 20 minuti circa, e poi aggiungo alla pasta 🙂 alla fine un pò di prezzemolo, facile facile insomma 🙂 ma son sicuro che qualche pomodoro fresco non gli può far male, anzi 🙂

  2. E’ deliziosa, e ho il privilegio di conoscere un signore di Cetara che me la procura. Tempo fa un episodio di Linea Blu era tutto dedicato a questa preparazione

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.